Sei il visitatore n

Ritorna al capitolo

L'ANGELO CHE TU SEI

Quando sei immersa nel sonno il tuo corpo e' come se si illuminasse
di luce propria ed io non cesserei mai di guardarlo: ogni maschera,
ogni comportamento artefatto costruito per difesa intorno alla tua timidezza,
ora, nell'incoscienza del sonno, sembra cadere, e la tua bellezza riaffiora in
tutta la sua originaria autentica dolcezza. Crederei di vedere un angelo se non
fosse perche' non hai le ali .... Hai pero' quelle della fantasia e della creativita' che
sono il segno distintivo degli spiriti liberi ma equilibrati. Se percio' la tua bellezza
esteriore non ha uguali, quella della tua interiorita' e' addirittura il riflesso di quella
ineffabile dell'armonia divina. Per questo piu' che ti guardo dormire piu' ardo dal
desiderio che tu sia mia .... e vorrei entrare in te come per unire la mia anima alla
tua perche' mi faccia da guida per condurmi alle porte dell'Infinito ....,
e mi e' di una indicibile dolcezza il naufragar con te in questo mar ....